Mascherine queste (s)conosciute - Erboristeria Inglima
16337
post-template-default,single,single-post,postid-16337,single-format-standard,bridge-core-2.1.1,qode-page-transition-enabled,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-theme-ver-25.0,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.1,vc_responsive,elementor-default,elementor-kit-16349

Mascherine queste (s)conosciute

Perdonatemi il post lunghissimo, ma sapete quanto io tenga alla salute. E non posso proprio evitarlo.

Per favore, leggete e mettete in pratica.

Ebbene sì, siamo riusciti ad avere, grazie a Guam, delle mascherine in tessuto lavabili da poter offrire ai nostri clienti ad un prezzo a mio avviso equo. Non si tratta dei dpi ad alta protezione (quelli li lasciamo ai medici che ce ne sono ancora troppo pochi), ma sono fatte di un tessuto idrorepellente adatte all’uso per la popolazione.

Questo non significa che usandole, magari anche nel modo sbagliato, si possa andare tranquillamente in giro sempre. Per la nostra salute, quella dei nostri cari, quella della comunità in cui viviamo e via via fino ad arrivare all’intera popolazione mondiale (sì, perché è una pandemia questa) ecco le regole indispensabili da seguire:

1) uscire il meno possibile, per rischiare di incontrare il minor numero possibile di persone, cercando di concentrare gli acquisti tutti insieme

2) mantenere SEMPRE il distanziamento sociale minimo di un metro. Anche quando dovete pagare o ritirare ciò che comprate. Anche quando vi muovete all’interno dei negozi. Anche quando camminate sul marciapiedi ed incontrate qualcuno. Anche quando passate davanti al cancello di conoscenti. Sempre

3) la mascherina si indossa PRIMA di uscire. Si lavano accuratamente le mani con acqua e sapone. Quindi la si prende dalla sua bustina e la si indossa facendo in modo che copra bene il naso e la bocca. In questo momento è pulita, potete sistemarla e toccarla quanto volete. Prendetevi un momento di tempo per sistemarla correttamente in modo che vi dia il meno fastidio possibile. Un po’ ve lo darà comunque, non siete abituati. L’ideale sarebbe chiudere la parte che sta sul naso con degli occhiali protettivi, così da fissarla ed al contempo proteggere anche gli occhi. Se avete una visiera di quelle che si mettono sul capo andrà benissimo anche quella

4) a questo punto la mascherina NON va più toccata. Per nessuna ragione al mondo. Neanche se vi va sugli occhi. Neanche se vi prude. Men che meno se dove starnutire. Ed accade, lo sappiamo bene. Appena la indossiamo prude il naso o la guancia, ci dobbiamo grattare, ma solo un secondo. O vogliamo annusare qualcosa. O bere. O mangiare. O… No. No. No. No. Non si può. Se volete che sia efficace non dovete più toccarla. Altrimenti conviene non metterla perché avrete meno rischio di contagio che usandola male. E non vale nemmeno toccarla con il braccio, il gomito, il ginocchio o il piede per i più snodati

5) una volta finite le commissioni e rientrati in casa la potete togliere afferrando gli elastici, senza toccare la parte esterna, ripiegandola in modo che le vostre dita tocchino solo la parte interna. Se è monouso la gettate subito nell’immondizia, possibilmente in un sacchettino che sigillate. Se è lavabile come le nostre dovrete farlo subito, per essere sicuri che non entri a contatto con altre superfici (no, non potete appoggiarla sul tavolo intanto che bevete, mangiate, vi grattate il naso, sistemate la spesa) ne’ con altri indumenti. Lavatela accuratamente, mettetela ad asciugare e quindi lavate bene anche le mani. Solo a questo punto potrete grattarvi il naso 😜

Vi sembra pazzia? Non lo è.

Dovete considerare la superficie esterna della mascherina come possibilmente infetta una volta che uscite di casa. Quindi in nessun modo deve entrare in contatto con noi, soprattutto con occhi, naso e bocca. Se tentiamo di infilarci un dito sotto per grattarci possiamo trasportare il virus dalla superficie della mascherina al viso. Se la spostiamo con il braccio, magari coperto dalla manica, possiamo aver infettato il tessuto della stessa: quindi una volta a casa dobbiamo toglierlo senza toccare direttamente quella zona e lavarlo immediatamente e separato dal resto.

Se proprio proprio proprio non potete fare a meno di spostare la mascherina per grattarvi il naso, ad esempio, dovrete fare così: lavate accuratamente le mani, indossate un guanto pulito, afferrate la mascherina dalla parte esterna (e solo da quella), fate quello che dovete con l’altra mano, pulita, senza toccare la parte esterna della mascherina. A questo punto la rilasciate sul viso e togliete il guanto dalla mano infilando due dita della mano pulita sotto di esso e rivoltandolo. Quindi lo gettate immediatamente nella spazzatura, meglio se in un sacchetto che provvedete a sigillare subito. Quindi vi lavate accuratamente le mani e riprendete da dove avevate interrotto. Complicato, eh? Sì. Quindi evitiamo che è meglio. Il prurito passerà. Ed anche questa pandemia.